Scambiatori di calore: tipologie e manutenzione

I fluidi primari più comunemente utilizzati nello scambio termico sono: acqua calda, acqua surriscaldata, vapore e olio diatermico impiegati per il preriscaldo di acqua o altri fludi.

Lo scambio termico tra i due fluidi circolanti avviene sempre in controcorrente.

Nuovi processi produttivi, impianti all’avanguardia e un’esperienza costruttiva pluridecennale ci permettono di assemblare lo scambiatore di calore con componenti sempre più precisi, riducendo le resistenze allo scambio termico ed ottenendo così una maggior efficienza.

I VANTAGGI

Le caratteristiche maggiormente apprezzate di questi scambiatori sono:

  • Rapporto elevato prestazioni-prezzo;
  • Bassi costi di manutenzione;
  • Intercambiabilità nel tempo di tutti i componenti.

Gli scambiatori di calore sono progettati, costruiti e collaudati secondo la direttiva europea 97/23/CE che regolamenta gli apparecchi in pressione (PED).

MANUTENZIONE

La manutenzione dello scambiatore di calore consiste nel mantenere puliti i tubi.

La pulizia dei tubi internamente ed esternamente può essere effettuara, qualora i materiali lo permettano, con soluzioni disincrostanti; inoltre all’esterno dei tubi in caso di incrostazioni calcaree, può essere effettuata una pulizia meccanica, dopo aver estratto il fascio tubiero dal mantello.

Il fascio tubiero può essere facilmente estratto dopo aver smontato la testata.

Occorre aver sempre a disposizione una serie di guarnizioni di ricambio, da sostituire dopo gli interventi di manutenzione.

Il rivestimento isolante è preferibile eseguirlo dopo l’installazione per evitare danneggiamenti durante il trasporto e la messa in opera.

Gli impianti a cui sono destinati questi scambiatori sono le tradizionali cetnrali termiche, le centrali di impianti di cogenerazione, le grandi centrali per il teleriscaldamento, l’industria chimica e altro.

Gli scambiatori in esecuzione speciale comprendono:

SCAMBIATORI DICALORE A FASCIO TUBIERO A U

Con fascio tubiero estraibile da tubi curvati a U e mandrinati o saldati alla piastra.

SCAMBIATORI DI CALORE A TUBI DRITTI

  • Tipo a due piastre tubiere fisse saldate al fasciame;
  • Tipo a piastra tubiera flottante, con fascio tubiero estraibile;
  • Tipo a testa flottante.

SCAMBIATORI DI CALORE SERIE CROSSFLO

  • Tipo a tubi corrugati multiturbo.

SCAMBIATORI DI CALORE VERTICALE FUMI/VAPORE

  • Scambiatore “economizzatore produttore di vapore”, ad asse verticale, alimentato dai fumi di scarico dei generatori, produce vapore fino a 12 bar.

GRUPPI DI SCAMBIO TERMICO

  • Composti da due o più scambiatori collegati in serie o in serie-parallelo.

Gli scambiatori di calore delle Officine Varisco, grazie alla loro versatilità d’impiego e facilità di manutenzione, sono ancora i più utilizzati in impianti civili e industriali.

In particolare sono concepiti per grandi centrali termiche, ospedali, aeroporti, impianti sportivi e comunità.